C'è un posto a Milano per quando vuoi uscire rimanendo a casa. Oggi vi parlo di quando non sapevo dove lavorare e sono capitata in un posto eccezionale. Settembre, ero arrivata a Milano per una delle mie solite trasferte, boh non ricordo, quest'anno sono state davvero tante, credo che l'occasione fosse una fiera di settore. Avevo bisogno di un posto in cui lavorare con la mia amica-collega Alessandra. Da brava internettologa del caso mi metto alla ricerca di uno spazio di coworking che fosse carino e accogliente, inutile dirlo noi architette e design blogger in questo siamo un po' esigenti, di lavorare in un posto brutto non se ne parla! Arrivo su un blog che parlava dei migliori di 10 posti di coworking in città.  Diceva cosi: 


Da oTTo, in via Paolo Sarpi, la linea di confine tra coworking e caffetteria è molto sottile. Nonostante questo, è uno dei nostri posti preferiti per sedersi e parlare di lavoro durante una pausa pranzo o in una mattinata grigia con il pc alla mano. Gli spazi, ampi e luminosi, combinano il gusto estetico scandinavo a un tocco di verde che mette allegria. Finito il dovere, spazio al piacere con un bell’aperitivo: forse è questa la cosa più affascinante di passare qui una giornata tra e-mail e telefonate.Flawless


Mi dico ok,  l'ho trovato, non so se ero rimasta più impressionata dal verde alla pareti, dallo stile nordico a cui sono tanto affezionata o dall'idea di potermi bere uno Spritz con la mia amica, ma ho deciso che saremmo andate lì. Lì, si ma dove? Siamo nel cuore di Chinatown, in via Paolo Sarpi, una location insolita per me (penso) ma ho voglia di scoprire. Una volta arrivata scopro di essere proprio dietro alla Fondazione Feltrinelli, luogo che frequento spessissimo dalla sua apertura. Lo spazio non è bello di più, c'è un'ambientazione nordica con pareti tutte bianche, tanto vintage per gli arredi e verde ovunque che ti fa quasi avere la sensazione di respirare aria buona. E' tutto molto easy. Non c'è altro modo di raccontarlo effettivamente ti senti a casa, il cibo è ottimo, il pubblico eterogeneo. Se posso fare una mia personale considerazione oTTo, insieme ad altre realtà di cui vi ho gia parlato qui, è il simbolo della Milano che cambia, che crea luoghi di aggregazione differenti, specchio di una generazione e una società che si aspetta cose molto diverse dal passato.  
Ah, se siete amanti del brunch tutti i weekend dalle 12.30 alle 15.00 potete correre li, e mi sa che nei prossimi mesi troverete anche me!




Credits | oTTo
Roberta Borrelli | makeyourhome.net


Posta un commento

Contact

© M Y H
Design by The Basic Page