Lo avevo conosciuto in uno di quei posti in cui ti rifugi dopo una giornata di corse, lavoro, parole, saluti di convenienza e ancora parole, soltanto per non piombare improvvisamente nella solitudine del tuo appartamento che in alcuni giorni, più di altri, ti sembra davvero piccolo. Prendi qualcosa da bere, a volte soltanto un tè per riscaldarti, ascolti un po' di musica, un po' te stessa o soltanto il silenzio. E poi lui con quel suo - Ciao.
Ciao - risposi e immediatamente percepii che fossimo lì per lo stesso identico motivo. Credo che lui abbia iniziato a parlare, a raccontarmi di cosa faceva nella vita, della tipa con cui aveva appena discusso, boh non saprei dire con precisione, io con la testa ero già esattamente nella sua casa. La immaginai proprio così. 


Non molto grande, gli si leggeva negli occhi una vita che non restituisce quanto dai. Molti sacrifici, tante delusioni, e poi la decisone di affrontarla a muso duro una volta e per tutte. Eh si, quella volta lì ce l'aveva fatta davvero, in alcuni momenti  ancora stentava a crederci, quel suo libro sugli scaffali sembrava un miraggio. Scriveva di notte, l'unico momento in cui viveva la sua casa, il resto del tempo lo passava in giro per la città. Credeva che le strade potessero raccontare storie più belle di quanto lui avesse mai potuto scrivere.


Nessuno spazio dedicato alla convivialità. Quel posto era solo suo. Una cucina in cui preparare la colazione, un divano morbido e accogliente, il suo letto. Tutto era studiato, ricercato, elegante, come lui, due occhi grandi in cui perdersi. Era bastato un ciao.


Il suo piccolo mondo era chiuso in soli 25 metri quadrati: non amava circondarsi di cose, i ricordi li portava con se, nelle sue continue partenze, nei suoi libri. Nessun oggetto, pochi vestiti, la sua scrivania, un piccolo angolo quasi asettico, non aveva bisogno di nient'altro che del suo pc il resto erano soltanto storie. 
Era nera, come la sua anima, lui fuori luogo ovunque tranne che lì.



Le storie della rubrica Home&Stories sono tutte di fantasia. Non sono altro che piccole favole che raccontano come dietro ogni casa si nasconde una storia unica.

Credits photo:atelierrueverte
Roberta Borrelli|makeyourhome.net


Posta un commento

Contact

© M Y H
Design by The Basic Page