Eccomi ad organizzare la seconda parte del viaggio, due giorni dedicati al fuorisalone, intensissimi perché le cose da vedere e le persone da incontrare sono davvero tante. Un'occasione da non perdere alla scoperta del "design" tra installazioni, mostre e showroom che aprono le porte a tutti gli appassionati di questo meraviglioso mondo.
Partiamo da venerdi 17 e speriamo che sia un giorno fortunato! La giornata comincia con scarpe e comode e la mappa di Tortona Design






Nel   distretto che per primo ha raccolto attorno agli affascinanti spazi ex industriali che popolano la zona, i più importanti brand del design italiano e internazionale, insieme a progettisti di fama e giovani talenti, c'è da perdersi. 
Prima tappa Via Tortona 31 | Opificio 31: village espositivo dove un tempo vivevano attività manifatturiere, in parte ancora esistenti. Spazio all'internazionalità con i brasiliani di  Rio+Design che presenteranno più di 75 pezzi e progetti in cui il legno avrà un ruolo primario, tra  tecnologia ed ecosostenibilità. L’evento Contemporary Mood arricchirà la proposta dell’area così come Livingooh, con un progetto con tema Alice in Wonderland, per raccontare le meraviglie del design italiano. I visitatori saranno coinvolti all’interno di un percorso multisensoriale e fiabesco e condotti alla scoperta delle centinaia di prodotti esposti che racchiudono la storia di qualità e eccellenza della creatività italiana. Lo spazio Emporio, ospita BURU BURU, e-commerce dedicato al mondo casa che per l'occasione allestisce set all'aperto e rende speciali stanze uniche dove il design poggia direttamente sull'asfalto e le pareti sono soltanto immaginarie.
Uno degli appuntamenti del Fuorisalone che sta destando più curiosità fra gli appassionati del design è certamente quello che ha come protagonista un'ingegnosa idea del giapponese Kosho Ueshima, uno spazzolino da denti in politilene caratterizzato da nanotecnologia minerale, staremo a vedere! Non mancherà una passeggiata all'interno dello showroom permanente in via Tortona 34 di Ex.t che presenta la nuova collezione 2015 e la partnership esclusiva con il famoso studio Norm Architect. Chissà poi cosa ci aspetterà da MOOOI  che promette un inaspettato benvenuto. Ultima tappa di Tortona al Superstudipo Piùche quest'anno rinnova il suo format e presenta Superstudio Show. Un grande contenitore che sarà suddiviso in aree tematiche: Temporary Museum, The Galleries, The Word is Here, Selected Objects, Ki.D.S, Art-design, Arte o Design?, Materials Village, Supertextile e Outside-outsiders. Il format accoglie il design democratico, il design dei nuovi makers, il design che si promuove su internet e le nuove promesse in campo  internazionale. Mi sa che qui passeremo un bel po' di tempo.



 Ecco a questo punto sarò già a pezzi, urge una sosta. Magari raggiungo le mie colleghe al  Mantra Raw Vegan  almeno per un caffè, la voglia di rivedersi tutte in quest'occasione è sempre tanta! Siamo nei pressi di Porta Venezia quindi il pomeriggio riparte da qui.
Porta Venezia in Design è  il circuito fuori salone che abbina la contemporaneità del Design edell’arte all’eredità architettonica e decorativa dello stile Liberty - di cui è particolarmente ricca questa zona della città - per renderla maggiormente nota ai cittadini e agli ospiti stranieri che visitano Milanodurante la design week. Sono alcuni i tour Liberty ,gratuiti e su prenotazione ,organizzati in collaborazione con FAI-Fondo Ambiente Italiano, che si riconferma nostro fondamentale partner. Mi fermerò solo per un po' , mi piacerebbe partecipare all'evento WELCOME WALLPAPER DI M.RAGNI E JANNELLI&VOLPI. Il tema è quello dell’accoglienza interpretato dai diversi linguaggi di otto stylist che studiano l ’ arredo di altrettanti spazi, scegliendo tra i nuovi wallcovering e gli oggetti del JVstore.
Purtoppo il tempo stringe, io ho solo un giorno a disposizione e mancano da vedere ancora Brera e Lambrate. Ci proviamo? Facciamo un po' il punto della situazine e vediamo cosa riesco a fare.




Brera è il quartiere più bohémien della città, una dedalo di strade e piazze dove l’arte, il fascino e il romanticismo disegnano una Milano diversa e irresistibile. Lo scorso anno ci sono arrivata ad orario aperitivo e ne sono rimasta affascinata, quest'anno replicherò anche perchè alle 18:30 ha inizio una serata a base di design, drink e divertimento nel cubo di vetro della Mediateca, a casa LOVEThESIGN. Spero di poter ritornare sabato mattina ci sarebbe da vedere l'orto tra i cortili, un orto permanente e una “farmacia a cielo aperto” che prende vita su di un tetto di via Palermo e la mostra mercato dedicatoa a Joe Colomobo. Esposti oggetti, mobili, lampade e curiosità del passato con varie caratteristiche diverse da qualsiasi prodotto ancora in produzione oggi. E se c'è bisogno di un'attimo di relax,Brera Design District e Xie Xie Tea Time regalano l’opportunità di prendersi una pausa nei giorni frenetici della design week. All’interno di location selezionate ci saranno dei corner dedicati alla degustazione del blend di tè Oolong combinato con piante selezionate, dalla rosa alle erbe mediterranee, da gustare sia caldo che freddo. Tutti i giorni dal 16 al 19 aprile dalle 16 alle 18 in queste tre location:


  • lo showroom Devon & Devon, Via San Marco 38
  • Sacea Recharging Zone, presso il cortile dell’Ordine degli Architetti, Via Solferino 19
  • lo showroom Valcucine, Corso G. Garibaldi 99.


E poi c'è Lambrate, il distretto dedicato al design sperimentale e ai nuovi marchi capaci di pensare fuori dagli schemi. Qui ho poco da dire e tanto da andare a vedere, tra start-up innovative, utilizzo di nuovi materiali e pop-up store installati per l'occassione. In Cascina Cuccagna una selezione internazionale del design bello e responsabile: imprese, designer, autoproduttori e artisti valorizzano saper fare e innovazione. Accoglienza, natura, buon cibo. Tema della  mostra, Good Design-The Natural Circle. Tra le imprese e i designer partecipanti: un gruppo di designer olandesi; Boffi con la nuova cucina Salinas disegnata da Patricia Urquiola, Essent’ial con una linea di cuscini ideati da Stefania Vasques; MOCA con una struttura abitativa in fango e paglia e infine l’installazione Mosaico. Un’area collettiva con designer e artisti internazionali mette in mostra mobili, lampade e oggetti dall’approccio sensibile, animati da interventi poetici proiezioni e un’installazione sonora.
Ora non mi tocca che preparare la valigia, la macchina fotografica il cellulare e spero di riuscire a postare il più possibile...... #MDW2015 #isaloni






Posta un commento

Contact

© M Y H
Design by The Basic Page